Brevetto italiano

Brevetto per invenzione industriale in Italia

Il deposito di una domanda di brevetto per invenzione industriale presso l'U.I.B.M. (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) conferisce al Richiedente il diritto allo sfruttamento esclusivo in Italia (produzione, commercializzazione, importazione) dell'invenzione rivendicata nella domanda per un periodo di 20 anni a partire dalla data di deposito, fatto salvo il rispetto dei requisiti di brevettabilità.

Il contenuto della domanda di brevetto per invenzione industriale resta segreto per un periodo di 18 mesi dalla data di deposito, oltre il quale viene messo a disposizione del pubblico. L'U.I.B.M. effettua inizialmente sulla domanda depositata un esame di carattere formale; quindi effettua successivamente una ricerca di anteriorità (a decorrere dal 01/07/2008) con il rilascio, entro 9 mesi dal deposito, di un rapporto di ricerca al fine di valutare la presenza dei requisiti sopra citati di brevettabilità.

Unitamente al rapporto di ricerca, l'U.I.B.M. emette una lettera ministeriale con la quale viene richiesto un commento dei documenti emersi dal medesimo rapporto di ricerca: ha così inizio una fase di Esame sostanziale che può portare alla concessione del brevetto.

Una domanda di brevetto per Invenzione Industriale deve comprendere: un riassunto, nel quale si introduce brevemente l'invenzione, una descrizione, nella quale deve essere descritto in modo sufficientemente chiaro l'oggetto dell'invenzione, in almeno una sua forma di realizzazione, le rivendicazioni, nelle quali devono essere definite le caratteristiche essenziali del trovato che si intendono difendere e tutelare e sulle quali rivendicare il diritto esclusivo di sfruttamento, ed eventualmente delle tavole di disegno, a supporto della descrizione, nelle quali vengono illustrate la forma di realizzazione principale ed ulteriori varianti.

Brevetto per modello di utilità in Italia

ricerche brevetti

Possono costituire oggetto di brevetto per modello di utilità i nuovi modelli atti a conferire particolare efficacia o comodità di applicazione o di impiego a macchine, o parti di esse, strumenti, utensili od oggetti di uso in genere, quali i nuovi modelli consistenti in particolari conformazioni, disposizioni, configurazioni o combinazioni di parti.

Come per la fattispecie dell' invenzione industriale, il nuovo modello deve soddisfare i requisiti di novità, originalità ed applicabilità industriale. In tal caso, tuttavia, il nuovo modello deve soddisfare requisiti di originalità meno stringenti rispetto ad un'invenzione industriale.

Il deposito di una domanda di brevetto per modello di utilità presso l'U.I.B.M. (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) conferisce il diritto allo sfruttamento esclusivo dell'innovazione rivendicata nella domanda per un periodo di 10 anni a partire dalla data di deposito, fatto salvo il rispetto dei criteri di brevettabilità dell'innovazione (novità, attività inventiva ed applicabilità industriale).

L'U.I.B.M. effettua unicamente un esame di carattere formale sulla domanda depositata, senza condurre un esame sostanziale (invece previsto per l’invenzione industriale), vale a dire l’esecuzione di una ricerca di anteriorità ed un esame sostanziale, al fine di valutare la presenza dei requisiti di brevettabilità (novità, attività inventiva ed applicabilità industriale).

Ne consegue che il brevetto è da considerare valido fino a prova contraria (cosiddetta "presunzione di validità") che può essere fornita da un terzo interessato in qualunque momento. Il contenuto della domanda di brevetto per modello di utilità resta segreto per un periodo di18 mesi dalla data di deposito, oltre il quale viene messo a disposizione del pubblico.

Una domanda di brevetto per Modello di Utilità deve comprendere: un riassunto, nel quale si introduce brevemente l'innovazione, una descrizione, nella quale deve essere descritto in modo sufficientemente chiaro l'oggetto dell'innovazione, in almeno una sua forma di realizzazione, le rivendicazioni, nelle quali devono essere definite le caratteristiche essenziali del trovato che si intendono difendere e tutelare e sulle quali rivendicare il diritto esclusivo di sfruttamento, ed eventualmente delle tavole di disegno, a supporto della descrizione, nel quale vengono illustrate la forma di realizzazione principale ed ulteriori eventuali varianti.

Informazioni sul deposito brevetti in Italia

Per maggiori informazioni sul deposito brevetti  utilizzare i recapiti forniti nell'apposita sezione del sito.

Share by: